• bitcoinBitcoin$63,569.00-1.63%
  • ethereumEthereum$3,407.42-0.28%
  • elrond-erd-2MultiversX$36.45-2.08%

99,98% Consumi in Meno: La Prima Transazione Congiunta tra ETH1 e ETH2

99,98% Consumi in Meno: La Prima Transazione Congiunta tra ETH1 e ETH2 - cryptorobin.it

Sigma Prime, il provider dei servizi di sicurezza Blockchain ha messo a segno la prima transazione tra i network ETH1 e ETH2. La transazione è stata eseguita da parte di uno dei suoi client, Lighthouse, usando solo una validazione Proof of Stake, come rivelato in un tweet dello scorso 25 marzo. Ha anche detto che rappresenta un importante passo verso il calo del 99,98% del consumo di risorse da parte di Ethereum. Si è arrivati a questo valore comparando l’attuale Proof of Work ETH1 con la più efficente e sviluppata Proof of Stake ETH2.

Sigma Prime ha affermato che, pur trattandosi di un risultato stupefacente, è lunga la strada fino alla standardizzazione. Infatti si tratta di un prototipo che richiede ancora tanto lavoro.

Primarily, you should take this is a signal that ETH1 and ETH2 developers are actively working together on the merge”

Innovazione

Questa non è esattamente la prima volta che si raggiunge tale risultato, come ha sottolineato la stessa Sigma Prime. Lo scorso agosto 2020 il client Teku di Ethereum è riuscito a simulare una demo in cui compiere qualsiasi transazione ETH1 in ambiente ETH2.

Questa transazione rappresenta solo una parte del primo passo compiuto lungo la Phase 1.5, il cammino che il potenziato Ethereum 2.0 ha intrapreso. La transazione è avvenuta tramite il processodocking”, con la fusione del mainnet di ETH1 con il Beacon Chain di ETH2 e il sistema di sharding.

Il passaggio al Proof of Stake porterebbe a fare a meno degli elevati consumi richiesti dalle attuali operazioni di mining di ETH1. La blockchain continuerà a girare su shard di ETH2 seguendo il completamento della Fase 1.5.

Il dibattito riguardo il mining e i suoi consumi di energia è iniziato su Reddit in seguito ai nuovi sviluppi di Lighthouse. Sottolineando l’aumento dei costi dell’elettricità e dei processori grafici necessari, specie in un periodo in cui c’è carenza di chip, il Redditor HighlightAccording98 ha commentato che probabilmente oggi è più semplice ottenere profitti dallo staking che dal mining.

If I were a miner I would be sitting on a pile of staked ETH from selling my equipment collecting APY and waiting for the merge”.

Attualmente lo staking sulla Beacon Chain genera un APY del 8.2% e 3,6 milioni di ETH che sono già stati depositati.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *