• bitcoinBitcoin$64,981.00-0.19%
  • ethereumEthereum$3,527.18-1.20%
  • elrond-erd-2MultiversX$29.33-1.68%

Bakkt Compagnia Di Bitcoin Pronta a Quotarsi Sulla Borsa Di New York

La piattaforma di criptovalute Bakkt sarà quotata lunedì sulla New York Stock Exchange secondo quanto dichiarato dalla casa madre Intercontinental Exchange.

Bakkt è stata lanciata nel 2018 da Intercontinental Exchange per la gestione degli asset digitali: custodisce Bitcoin al sicuro in wallet offline per i grossi investitori.

La compagnia statunitense si è evoluta nel corso del tempo ed è diventata un “digital asset marketplace” e adesso offre un servizio di trading di future di Bitcoin, un’app da dispositivi mobili che permette agli utenti di spendere i propri Bitcoin per l’acquisto di oggetti di uso comune attraverso la carta di debito Visa con cui Bakkt collabora da giugno.

Intercontinental Exchange ha dichiarato venerdì che Bakkt ha completato la fusione con VPC Impact Acquisition Holdings e sarà quotata sulla NYSE  con il ticker “BKKT”.

VPC Impact Acquisition Holdings è una compagnia “blank check”, cioè non svolge nessun’altra attività se non quella di acquisire compagnie a aiutarle a quotarsi sulle Borse.

Bakkt ha dichiarato a gennaio di stare preparando la propria quotazione pubblica. Allora il valore dell’azienda superava i 2 miliardi di dollari.

Solo una settimana fa, Bakkt ha annunciato la collaborazione con Google per consentire agli utenti di spendere le proprie crypto usando la carta Visa presso milioni di esercenti che accettano pagamenti tramite Google Pay in tutto il mondo.

Come parte dell’accordo, Bakkt userà Google Cloud per realizzare nuovi processi di analisi servendosi dell’intelligenza artificiale, il machine learning, e la geolocalizzazione.

Bakkt ha iniziato a lavorare nel 2019 per permettere agli utenti di spendere i propri Bitcoin come una qualsiasi valuta, allora aveva avviato una collaborazione con Starbucks per consentire alle persone di acquistare il proprio caffè usando le crypto.

Bakkt si unisce al ricco numero di compagnie legate alle criptovalute che hanno deciso di quotarsi in borsa, come ha fatto pure Coinbase ad aprile quotandosi sul listino del Nasdaq.

L’acquisto di titoli in equity di compagnie che hanno a che fare con le criptovalute, è visto da molti come una maniera di acquisire un’esposizione indiretta a Bitcoin,. Più sicura perché il valore delle compagnie quotate pubblicamente è spesso impermeabile alle fluttuazioni del mercato delle crypto.

Con la prossima approvazione del primo ETF di Bitcoin prevista per lunedì, gli investitori USA potranno acquisire prodotti che assicurano una maggiore esposizione a BTC.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *