• bitcoinBitcoin$64,792.00-2.80%
  • ethereumEthereum$3,191.63-1.22%
  • elrond-erd-2MultiversX$42.78-4.40%

Bakkt, Il Presidente Adam White Si Dimette

Bakkt - cryptorobin.it

Adam White, fondatore e Presidente della piattaforma dedicata agli asset digitali e alle ricompense, Bakkt, ha dichiarato su Twitter giovedì che lascerà la compagnia. La sua decisione arriva in un periodo di incertezza per la compagnia, una sussidiaria di Intercontinental Exchange (ICE), un gigante finanziario che possiede la New York Stock Exchange.

White, un veterano dell’Air Force che si è fatto un nome in ambito crypto perché è stato uno dei primi dipendenti di Coinbase, non ha spiegato le ragioni delle sue dimissioni. Non ha nemmeno detto cosa intende fare in futuro, si è solo detto ottimista al riguardo.

In questo momento il prezzo delle azioni di Bakkt non ha un buon andamento. La quotazione in borsa è avvenuta a ottobre con un lancio per azione di 50$, che adesso si aggira intorno ai 9$.

La compagnia fatica a ritagliarsi una nicchia pur avendo un ampio mercato di criptovalute disponibili nell’exchange. Al momento del lancio, l’obiettivo di Bakkt era di spingere Bitcoin e le altre crypto in ambito mainstream, anche grazie alla collaborazione con le istituzioni.

Dopo oltre tre anni, l’obiettivo è cambiato diventando un’offerta che consolida una certa varietà di asset digitali. Da Bitcoin alle carte regalo passando per le miglia aeree e gli NFT, in un solo wallet. Quello che non è chiaro è se esista una domanda sufficiente per questo tipo di prodotto, oppure se Bakkt riuscirà a emergere nel panorama crypto a rapida evoluzione.

In passato la compagnia aveva scelto al posto di Adam White, Kelly Loeffler, la moglie del CEO di ICE. In questo modo, la compagnia che in teoria avrebbe dovuto fornire le competenze necessarie al suo sviluppo e invece aveva finito con l’affossarla.

All’inizio del 2020, Loeffler aveva lasciato Bakkt per coprire un ruolo nel Senato USA percependo una liquidazione di 9 milioni di dollari. Quindi aveva perso il suo posto al Senato a novembre dello stesso anno quando aveva cercato di reinventarsi come sostenitrice di Trump.

Negli ultimi mesi, la compagnia ha cercato di tirarsi su grazie all’intervento del CEO Gavin Michael, stringendo nuove collaborazioni con Starbucks e Apple Pay.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *