• bitcoinBitcoin$29,771.001.69%
  • ethereumEthereum$1,985.450.15%
  • ElrondElrond$87.80-3.02%

Cosa Sono I Fondi Indicizzati?

index fund fondi indicizzati cosa sono

Chi avrebbe mai pensato che ci potesse essere una correlazione tra una mandria di mucche e un fondo indicizzato? In senso letterale, probabilmente non c’è ma, a parte la terminologia finanziaria, riflettiamo su questo esempio.

Diciamo che state organizzando un allevamento di mucche e siete interessati alla produzione di latte, per cui inizialmente potreste essere interessati alle mucche Holstein. È un buon investimento, ma presto vi renderete conto che anche altre razze sono potenzialmente molto remunerative!

Per esempio, per migliorare la produzione di latte ci sarebbe bisogno delle vacche Brune svizzere, mentre per il burro occorrerebbero le Jersey.

Chi invece vuole una vacca che si adatti a qualsiasi condizione dovrebbe prendere in considerazione la Simmental. Ma anche la Yaroslavl e la Lakenvelder non sono da meno.

Quello che bisogna fare, allora, è diversificare, quindi non fermarsi a una sola razza di vacca ma possederne un’intera mandria.

Questa nostra impressionante conoscenza delle razze bovine in realtà mira solo a sottolineare un punto: in poche parole, un fondo indicizzato offre un’esposizione simultanea alle azioni di diverse società in cui desiderate investire.

Invece di investire sporadicamente in azioni di società che occorre scovare, studiare e valutare, tutte separatamente, l’investimento in un fondo indicizzato consente di investire in un portafoglio di azioni di aziende preselezionate con potenziale di sviluppo.

Scopriamo allora cosa sono i fondi indicizzati e come possono aiutarvi nelle criptovalute.

 

Cos’è Un Fondo Indicizzato?

Un fondo indicizzato è un portafoglio di azioni o obbligazioni destinate a imitare il più possibile la struttura, la composizione e le prestazioni di un indice del mercato finanziario. Come strategia, questo tipo di fondo si concentra sul concetto di investimento passivo con spese e commissioni inferiori rispetto ai fondi a gestione attiva.

I fondi indicizzati cercano di livellare il fatturato con i rischi del mercato basandosi sulla teoria che nel lungo periodo il mercato comune supererà qualsiasi investimento occasionale nelle azioni di una sola società.

Esiste un indice e un fondo indicizzato per quasi tutti i mercati finanziari esistenti. Negli Stati Uniti, i fondi più popolari seguono la performance delle società nell’S&P 500.

Ma ci sono molti altri indici azionari utilizzati su larga scala, tra cui:

Dow Jones Industrial Average (DJIA), composto da 30 importanti aziende;

Nasdaq Composite, composto da 3.000 titoli quotati al Nasdaq;

Wilshire 5000 Total Market Index – il più grande indice azionario degli Stati Uniti.

 

Esempio Di Fondo Indicizzato

Per esempio, nel caso di un fondo indicizzato che segue il Dow Jones Industrial Average, gli amministratori di quel fondo acquisterebbero le azioni delle 30 società che fanno parte dell’indice nella stessa percentuale dell’indice azionario in modo da duplicare la performance dell’indice.

Se il prezzo delle azioni di quelle società cresce, il valore del fondo indicizzato segue quel movimento. Naturalmente è possibile anche il contrario.

I fondi indicizzati sono interessanti e attraenti perché possono essere costantemente riaggiustati e quindi ribilanciati periodicamente per ridurre al minimo i rischi per l’investitore.

Per esempio, un fondo basato su un indice ponderato riadatta la percentuale delle azioni a seconda delle società in quell’indice in base alla capitalizzazione di mercato.

Fondamentalmente, se il prezzo delle azioni di una società scende in modo significativo, scenderà anche la capitalizzazione di mercato. L’indice viene riadattato allo stesso tempo, la percentuale di azioni di quella società nel fondo indicizzato viene ridotta e viene equilibrata aggiungendo titoli di una società con una performance migliore.

Facciamo una semplice analogia e confrontiamo un fondo indicizzato ponderato con un pacchetto di M&M. All’interno troviamo caramelle di tutti i colori in varie proporzioni. Se iniziamo a mangiare solo M&M verdi, la loro percentuale nel pacchetto diminuirà.

E se fosse possibile mantenere costante il numero totale di caramelle, sostituendo le verdi già mangiate con quelle rosse, blu e gialle così da avere sempre la stessa quantità di caramelle nella confezione?

In questo modo il numero totale di caramelle rimane lo stesso, solo la quantità totale di M&M verdi sarà inferiore.

fondi indicizzati cosa sono index fund

Cos’è Un Fondo Indicizzato Crypto?

Un fondo indicizzato crypto non è molto diverso da quello che abbiamo descritto.

Invece di avere un’esposizione alle azioni della società, in questo caso si acquista il token di un fondo indicizzato e si ha un’esposizione a più criptovalute contemporaneamente.

Facciamo un semplice esempio: diciamo che volete investire in Bitcoin nel lungo periodo, in alcune brillanti altcoin, ma anche in alcuni token di vari progetti, perché hanno il potenziale per crescere velocemente.

Invece di acquistare tutti questi asset separatamente e tenere d’occhio tutti i loro prezzi, decidete di investire nel token di un fondo indicizzato crypto che segue il movimento dei prezzi degli asset crypto rappresentati.

Questo tipo di fondo indicizzato può includere varie criptovalute ma in percentuali diverse. Il token può rappresentare 10 criptovalute contemporaneamente, come ILSI di Invest Like Stakeborg Index, o anche 20 asset, come il token C20 del fondo CRYPTO20.

Se il prezzo di un asset crypto inizia a precipitare, al fine di ridurre al minimo i rischi dell’investitore, si può diminuire la percentuale di questo asset nel fondo in base al movimento del prezzo, lasciando più spazio ad altre criptovalute con migliori prospettive di crescita.

Poiché la proporzione iniziale delle criptovalute e i prezzi possono variare molto, periodicamente i fondi vengono ribilanciati per riportarli alle proporzioni iniziali.

 

Come Si Evolve Un Fondo Indicizzato Di Criptovalute?

Prendiamo come esempio il token ILSI di Invest Like Stakeborg Index che segue il prezzo di 10 asset. Il fondo è stato lanciato includendo WBTC, che rappresenta Bitcoin su Ethereum, e ETH di Ethereum, entrambi in percentuali intorno al 20%.

Offre anche esposizione a LUNA di Terra, inizialmente con una percentuale del 15%, LINK di Chainlink con il 12% e FTT di FTX Token con il 10%. Le percentuali per i token ENJ (Enjin) e AAVE (Aave) sono state fissate al 7%. SNX(Synthetix), DYDX(dYdX) e BOND (BarnBridge) hanno ciascuno il 3%.

Per ridurre il rischio dell’investimento, se il prezzo di ETH scende e il prezzo di LUNA cresce, la percentuale di LUNA crescerà fino a diventare la più grande, mentre quella di ETH verrà ridotta.

Nel caso di questo preciso esempio, il ribilanciamento viene effettuato manualmente ogni tre mesi, il che significa che in quel momento tutte le percentuali torneranno allo stato iniziale.

Altri fondi indicizzati crypto possono avere regole diverse per aggiustamenti e ribilanciamenti, ma, in generale, sono visti come investimenti sicuri anche dagli investitori istituzionali.

 

Quali Vantaggi Offre Un Fondo Indicizzato Crypto?

Tra i vantaggi più noti dei fondi indicizzati abbiamo:

Rischio più basso per investimenti non redditizi: questo vantaggio deriva dalla diversificazione perché il portafoglio di un investitore in criptovalute può includere molti asset senza detenerli effettivamente.

Inoltre, un fondo indicizzato consente un’esposizione simultanea anche a persone con una conoscenza limitata delle criptovalute ed è preferito dagli investitori istituzionali o da quelli passivi che tendono ad acquistare e detenere gli asset.

In questo modo non bisogna tenere d’occhio i prezzi ogni giorno e stare continuamente a controllare il telefono.

Spese e commissioni basse per gli investitori: a differenza dei fondi a gestione attiva, non occorrono molti soldi per gestire un fondo indicizzato. L’amministrazione includerebbe teoricamente pagamenti verso consulenti e gestori, commissioni di transazione, tasse e commissioni contabili.

Poiché gli amministratori di un fondo indicizzato stanno semplicemente riproducendo la performance di un benchmark, non avranno bisogno di analisti o altre persone.

Investimento a lungo termine: si basa sull’idea che, a lungo termine, anche se il prezzo di un asset crypto o di un’azione dovesse scendere drasticamente, nell’insieme il prezzo di più asset o azioni crypto aumenterà e anche il mercato aumenterà nel tempo.

 

Conclusioni

Un indice misura la performance di un gruppo di asset simili come azioni, obbligazioni e, più recentemente, criptovalute.

Il fondo di un determinato indice offre esposizione agli asset corrispondenti di un indice con variazioni di prezzo, aiutando gli investitori a seguire più facilmente l’andamento del gruppo sul mercato.

Nel mondo crypto, un fondo indicizzato propone un token che segue il movimento di diverse criptovalute rappresentate in quel fondo in varie proporzioni.

I fondi indicizzati sono investimenti passivi ma, come sempre, ci sono anche dei rischi poiché il prezzo delle criptovalute incluse nel fondo può essere altamente volatile. Inoltre, questo tipo di soluzione non è raccomandato per gli investitori che cercano di ottenere grandi guadagni in un breve lasso di tempo.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published.