• bitcoinBitcoin$56,694.00-0.58%
  • ethereumEthereum$4,531.83-4.24%
  • ElrondElrond$367.41-1.28%

Cosmos ($ATOM) – L’ecosistema che rende scalabili le altre blockchain

Cosmos - cryptorobin.it

In questo articolo parliamo di Cosmos (Atom), una blockchain modulare che mette in comunicazione più blockchain per aumentarne la scalabilità.

Storia di Cosmos

La storia di Cosmos inizia nel 2014 quando Jae Kwon applica per la prima volta l’algoritmo BFT a una blockchain con meccanismo proof of stake, creando l’algoritmo Tendermint.

Poi con l’arrivo di Ethan Buchman nel 2015 il progetto decolla e nel 2016 viene fondata Cosmos.

Il progetto

Cosmos è una rete decentralizzata di blockchain parallele e indipendenti, ciascuna alimentata da un algoritmo di consenso BFT.

L’obiettivo è quello di aiutare gli sviluppatori nella creazione di nuove blockchain e di superare le barriere tra le varie blockchain, permettendo di effettuare transazioni tra di loro.

Il progetto mira a costruire la cosiddetta “Internet of Blockchains”, ovvero una rete di blockchain in grado di comunicare tra loro in modo decentralizzato.

In questo modo le singole blockchain possono mantenere la sovranità, ma anche elaborare rapidamente le transazioni e comunicare con altre chain all’interno dell’ecosistema.

Architettura del progetto

Ma come funziona e che cos’è il meccanismo di consenso BFT? BFT sta per Byzantine Fault Tolerance, ovvero il classico problema dei generali Bizantini, ideato nel 1982 da Leslie Lamport.

Il dilemma suppone che ciascun generale abbia la propria armata e che ciascun gruppo sia situato in diverse posizioni intorno alla città che intendono attaccare. I generali devono decidere se attaccare o ripiegare. Non importa se attaccano o ripiegano, purché tutti i generali raggiungano il consenso, ovvero che tutti concordino su una decisione comune per eseguirla in modo coordinato.

In poche parole, la Byzantine Fault Tolerance (BFT) è la proprietà di un sistema che riesce a resistere alla classe di fallimenti derivata dal Problema dei Generali Bizantini. Questo implica che i generali dovrebbero mandare dei messaggeri per comunicare tra loro, ma che devono per forza passare dalla città e potrebbero essere intercettati e quindi il messaggio potrebbe essere falso.

Questo significa che un sistema BFT è in grado di continuare a operare anche se alcuni nodi (fino a 1/3) falliscono o agiscono in modo disonesto.

Come fa Cosmos ad aiutare le sue blockchain?

Immaginate Ethereum con le sue DApp e i suoi smart contract. Deve fare tutto da solo e diventa inevitabilmente lento e costoso. Cosmos permette invece di creare dei ponti per gestire le singole operazioni in autonomia, delegando così parte del calcolo.

Rende quindi la rete, nel caso del nostro esempio Ethereum ma funziona anche con altre reti, più veloce.

In altre parole, Cosmos è un ecosistema di blockchain in grado di scalare e interagire tra loro. Prima di Cosmos, le blockchain erano isolate e incapaci di comunicare tra loro. Erano difficili da costruire e potevano gestire solo con una piccola quantità di transazioni al secondo. Cosmos risolve questi problemi con una nuova visione tecnica.

Si possono inoltre usare diversi linguaggi di programmazione e non solo Solidity come per Ethereum ma dà il via a diverse chain con altrettanti linguaggi di programmazione, rendendo possibile l’interoperabilità

Tokenomic

Per quanto riguarda la tokenomic, il token Atom vale circa 24 dollari ma ha avuto una crescita quasi del 100% e come è possibile vedere dai grafici la sua quotazione è ormai ritornata ai massimi storici di qualche anno fa.

A proposito della sua capitalizzazione di mercato, siamo al 28° posto nella classifica delle crypto.

Roadmap

Per quanto riguarda la roadmap vi rimandiamo al sito ufficiale dove è possibile trovare tutto quello che avverrà nei prossimi mesi.

Sono previsti aggiornamenti nell’ultimo trimestre del 2021 e il primo del 2022. Insomma ci sono tutte le informazioni su quello che accadrà sulla rete Cosmos nei prossimi mesi.

Partnerships

Anche per quanto riguarda le partnership, tutto quello che riguarda il network, sia app che progetti, sono presentati nello stesso sito. Sono diverse le pagine di collaborazioni attualmente in atto.

Insomma, Cosmos è una piattaforma di blockchain viva e in costante evoluzione.

Conclusioni

Cosmos è un progetto estremamente complesso, molto difficile da spiegare in termini tecnici, ma con obiettivi molto chiari. Ad oggi rimane uno degli ecosistemi dedicati alla blockchain più interessanti e l’ascesa del token Atom negli ultimi mesi lo dimostra ampiamente.

La validità del progetto è indubbia, anche se al momento il balzo di quasi il 100% del valore lo rende un po’ meno appetibile per investimenti speculativi. Rimane invece molto interessante nel lungo termine.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *