• bitcoinBitcoin$56,923.000.17%
  • ethereumEthereum$4,537.32-3.85%
  • ElrondElrond$363.59-2.48%

eToro Rimuove Cardano Per Volere Del Legislatore USA

eToro - cryptorobin.it

L’app di trading israeliana eToro ha confermato che il suo exchange di criptovalute rimuoverà dal listino Cardano e Tron per il mercato USA a partire dal prossimo anno per adeguarsi alla normativa in vigore.

A partire dal primo gennaio 2022, gli utenti statunitensi non potranno aprire nuove posizioni nei confronti dei due token, né detenere ADA o TRX. I wallet inoltre saranno attivi solo per il prelievo e solo durante il primo trimestre 2022, in quel momento saranno anche limitate le vendite.

eToro ha dichiarato che la decisione è stata presa per adeguarsi alla normativa che si pone in maniera critica nei confronti di entrambe le criptovalute.

Si tratta di una notizia inaspettata, dato che ADA non è il tipo di asset che di solito ha problemi dal punto di vista del legislatore.

Di solito, le crypto “sospette” sono quelle come Ripple, che di fatto conduce una battaglia legale nei confronti della SEC degli USA ormai da un anno, o Monero, che alcuni accusano di poter essere facilmente usata per scopi illeciti.

ADA ha registrato un veloce aumento dei prezzi durante l’anno e adesso si trova nella top 10 delle principali criptovalute per capitalizzazione di mercato. Nel corso dell’ultimo trimestre, il fondatore di Cardano, Charles Hoskinson, ha confermato di collaborare con gli analisti di blockchain Confirm al fine di adeguarsi ai requisiti normativi come le leggi per la prevenzione del riciclaggio di denaro.

Questa decisione non sembra aver entusiasmato i sostenitori di ADA dato che speravano che il progetto prendesse una direzione più decentralizzata.

Le compagnie che lavorano nel settore della blockchain spesso devono avere a che fare con la sensazione di persecuzione da parte del legislatore. specie quando avvengono circostanze del genere in cui vengono estromesse da un listino o devono cambiare alcune funzioni.

Il caso più recente, in questo senso è quello di Coinbase che ha dovuto abbandonare l’idea di un piattaforma di prestito crypto dopo che la SEC ha intentato causa.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *