• bitcoinBitcoin$65,019.00-0.07%
  • ethereumEthereum$3,525.95-0.98%
  • elrond-erd-2MultiversX$29.35-1.40%

Francis Suarez: i Paesi Fanno Mining di Bitcoin con Energia Non Rinnovabile

Francis Suarez i Paesi Fanno Mining di Bitcoin con Energia Non Rinnovabile - cryptorobin.it

Il sindaco di Miami, Francis Suarez, ha detto che il paese sta usando energia non rinnovabile per minare i Bitcoin. Ha detto che il 90% delle operazioni di mining avviene fuori dagli Stati Uniti, da qui l’uso delle fonti non rinnovabili. Per via di questo la gente tende a considerare lo stesso mining di BTC come un’attività illecita.

Suarez ha ribadito la propria volontà di rendere Miami un hub per il mining di Bitcoin. Ha sottolineato che lo farebbe per ragioni di sicurezza nazionale e perché la città della Florida utilizza le energie rinnovabili che risolverebbero il problema del mining di BTC.

We have the ability to supply clean energy to Bitcoin mining centers and data centers. It would be to benefit the crypto community if we did more mining in the US because we produce clear energy so it would change that narrative and that dynamic and also in the future you will see solar and other kinds of clean technology. In my opinion, technology is going to make Bitcoin mining more efficient”, ha aggiunto Suarez.

In una intervista lo scorso gennaio, Suarez ha detto che il Bitcoin è un investimento interessante. Ha poi sottolineato che “If I would have invested in Bitcoin last year, I would have made 300%. So, I would have looked like a genius“.

La Cina Prende il Controllo

La Cina è responsabile di oltre il 50% del tasso globale di hash. Qui si trovano alcune delle più importanti agenzie mondiali. Seppure la Cina abbia vietato il trading di criptovalute e le ICO, mantiene legale il mining di criptovalute.

Malgrado ciò, i miner di Bitcoin hanno altre sfide da affrontare lungo il proprio cammino. Tra queste ci sono la crisi energetica e le incertezze legate alle regolamentazioni. Da qui la ragione per cui molti miner cinesi mostrano interesse verso i mercati delle nazioni occidentali dove l’elettricità costa meno.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *