• bitcoinBitcoin$61,903.002.95%
  • ethereumEthereum$3,406.113.30%
  • elrond-erd-2MultiversX$29.955.98%

Il Kazakistan Blocca Internet. Cosa Succederà Alle Crypto?

kazakistan

Il provider Internet Kazakhtelecom ha disabilitato l’accesso alla rete in tutto il paese. I siti di notizie locali non sono disponibili. Nelle grandi città, inoltre, i cellulari non funzionano.

Il servizio britannico NetBlocks, che monitora lo stato della rete in tutto il mondo, ha confermato che Internet in Kazakistan è bloccato. Le interruzioni sono iniziate nel paese il 4 gennaio. E mercoledì 5 gennaio il traffico è crollato, riportando l’intero Kazakistan ai primi anni ’90.

Le interruzioni hanno interessato operatori fissi e mobili. I più colpiti sono stati i maggiori operatori di telefonia mobile Kcell, Beeline e Tele2. Secondo NetBlocks, le interruzioni a livello di rete non possono essere aggirate con l’aiuto di un software speciale o di una VPN.

Il paese è stato attanagliato dalle proteste per il terzo giorno. La linea ufficiale è che il malcontento suscitato dall’aumento dei prezzi dell’elettricità si è rapidamente trasformato in una rivolta politica.

Il Kazakistan è al secondo posto al mondo in termini di mining di bitcoin. Secondo l’Università di Cambridge, rappresenta il 18% dell’intera capacità di mining mondiale. Molti miner sono arrivati dalla Cina dopo il divieto imposto alle criptovalute. La sola società di mining cinese Canaan nel 2021 ha messo in piedi più di 10.000 mining farm in Kazakistan.

Everything is clear with miners in Kazakhstan. No Internet – no mining“, ha affermato Roman Zabuga, Direttore Marketing di Bitriver.

Le conseguenze della disconnessione di così tanti mining rig dalla rete dipenderanno dalla durata del blackout e saranno chiari tra pochi giorni.

Le perdite finanziarie minacciano non solo i miner. I trader del Kazakistan hanno perso l’accesso ai loro account sugli exchange. Senza la capacità di gestire le posizioni, molti potrebbero perdere capitale.

Nel frattempo, i residenti di Nur-Sultan stanno prendendo d’assalto gli sportelli automatici e prelevando contanti in massa, temendo di perdere l’accesso al denaro nei conti bancari. Non sarà più possibile pagare con carta, poiché i terminali di pagamento necessitano dell’accesso a Internet.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *