• bitcoinBitcoin$65,880.00-2.42%
  • ethereumEthereum$3,477.200.97%
  • elrond-erd-2MultiversX$34.29-4.40%

Inflazione: Le Opposte Misure Delle Banche Centrali

Inflazione - cryptorobin.it

La crescente inflazione in tutto il mondo non è di certo un segreto. L’indice dei prezzi al consumo ha registrato un aumento in Inghilterra e negli USA, ma le iniziative dei governi sono state opposte.

L’inflazione nel Regno Unito ha raggiunto il livello registrato solo dieci anni fa, e la Banca d’Inghilterra ha risposto facendo salire il tasso di interesse come misura per il contenimento dell’aumento dell’inflazione.

È stata anche la prima banca di una potenza economica a decidere di far crescere il tasso di interesse sin dall’inizio della pandemia. I nove membri del Comitato per la Politica Monetaria hanno votato 8 a 1 l’aumento del tasso bancario a 0,25% rispetto al precedente 0,1%, solo il membro esterno al comitato Silvana Tenreyro si è espressa in maniera contraria.

La statunitense Fed, invece ha deciso di non cambiare il tasso di interesse appena mercoledì scorso. Questa mossa ha aiutato il mercato delle criptovalute a riprendersi, infatti tutte le principali crypto hanno registrato guadagni nelle 24 ore.

Alla notizia dell’aumento del tasso di interesse da parte della Banca d’Inghilterra il mercato delle crypto non ha reagito in maniera eccessiva, limitandosi a perdere i guadagni registrati il mercoledì.

Per quanto riguarda Bitcoin, invece, il rally derivato dalle dichiarazioni della Federal Reserve ha avuto vita breve e presto il prezzo della criptovaluta è sceso sotto il livello di 48.000$ giovedì.

Una serie di eventi ha scatenato questa perdita di valore. Gli indici delle azioni USA sono crollati dopo l’annuncio delle banche centrali europee di intervenire per contrastare l’aumento dell’inflazione. Lo S&P 500, Dow Jones Industrial Average e l’indice composito del Nasdaq ad alto contenuto tecnologico, sono tutti scesi di oltre il 2%.

Il volume del trading spot di Bitcoin tra i principali exchange centralizzati è anche diminuito giovedì.

Lo stesso è accaduto alle principali altcoin. Ether è sceso sotto quota 4.000$ di nuovo e sono stati caratterizzati da segno rosso anche le crypto che ieri hanno segnato i migliori guadagni, cioè Solana e Avalanche.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *