• bitcoinBitcoin$63,581.00-1.64%
  • ethereumEthereum$3,476.15-0.73%
  • elrond-erd-2MultiversX$28.78-0.49%

La Dieta Mediterranea Nel Metaverso

La Dieta Mediterranea Nel Metaverso

La dieta mediterranea entra nel metaverso grazie a un progetto realizzato dall’Università Federico II di Napoli.

Nello specifico, il progetto si chiama “Dieta Mediterranea 4.0 oltre il metaverso” ed è stato messo a punto dal laboratorio RuralHack dell’università, in collaborazione con la startup SPUN.

La presentazione si è svolta all’evento Eu AgriFood Week presso il Salone della Dieta Mediterranea Dmed.

Il progetto, cominciato tre anni fa, ha portato su realtà virtuale le produzioni autentiche che costituiscono la dieta mediterranea e che si trovano nel Cilento.

In questo modo, gli utenti possono vivere come mai prima d’ora un’esperienza immersiva e conoscere, grazie alle più moderne tecnologie, le varie e autentiche filiere produttive dei prodotti alla base della dieta mediterranea.

Non solo un’esperienza innovativa, quindi, ma anche un antidoto contro le tante produzioni false che si trovano sugli scaffali di tutto il mondo.

Un modo nuovo, inoltre, per rilanciare le comunità locali del Parco Nazionale del Cilento. Alex Giordano, direttore di RuralHack e Docente di Marketing spiega:

Nel metaverso l’utente può conoscere come si coltivano i grani antichi, come vengono lavorati attraverso il mulino in pietra e come si panifica seconda la tradizione mediterranea. Ma anche acquistare l’autentico fico bianco del Cilento venduto in tutto il mondo il più delle volte nella versione fake. Il metaverso è un luogo dove l’esperienza non si esaurisce nella realtà virtuale ma è fatto per portare arricchimento nella vita reale. Un biglietto da visita, che attraverso l’esperienza anche gastronomica, ti permette di acquistare i prodotti di qualità.”

La manifestazione ha ricevuto il patrocinio di numerosi enti, tra cui il Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e la Regione Campania.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *