• bitcoinBitcoin$65,090.000.73%
  • ethereumEthereum$3,561.254.56%
  • elrond-erd-2MultiversX$29.866.32%

NFT CryptoPunk “Alien” Battuto da Sotheby’s per 11,8 Milioni di Dollari

La casa d’aste Sotheby’s ha già venduto alcune opere d’arte virtuali quest’anno che hanno fruttato cifre considerevoli. L’ultimo è stato il token non fungibile chiamato “CryptoPunk” venduto per 11,8 milioni di dollari giovedì scorso.

CryptoPunks sono un set di 10.000 personaggi pixellati realizzati da Larva Labs nel 2017. Quello venduto da Sotheby’s, “CryptoPunk #7523”, è un ricercatissimo tipo con la pelle azzurrina e la mascherina chirurgica. L’opera è realizzata in forma di NFT, questo significa che è autenticato dalla blockchain che ne certifica l’originalità e il proprietario.

Il NFT viene inviato al wallet di criptovalute del proprietario, ovviamente, non c’è nessuno scambio materiale di un oggetto fisico.

“CryptoPunk #7523” è stato venduto per l’esattezza per 11.754.000$ come parte dell’asta online organizzata da Sotheby’s “Natively Digital: A Curated NFT Sale”, che ha fruttato un totale di 17,1 milioni di dollari dalla vendita dei lavori di 27 artisti digitali.

L’opera è stata comprata dall’imprenditore israeliano Shalom Meckenzie, che è tra i principali azionisti della compagnia di sport digitali DraftKings.

Mentre Michael Bouhanna, critico d’arte contemporanea presso Sotheby’s, ha detto che la vendita dimostra il crescente interesse nei confronti dei NFT. Ha precisato “We are excited to continue to explore new and interesting ways in presenting these cutting-edge works“. Chiunque può vedere un lavoro in forma di NFT ma solo chi lo ha acquistato è registrato come proprietario ufficiale.

Anche se l’asta si è svolta online, il lavoro è stato esposto in uno schermo presso le gallerie di Sotheby’s a New York, Londra e Hong Kong.

Sotheby’s ha anche inaugurato la prima galleria virtuale nella versione virtuale e realizzata su blockchain Decentraland, una replica dell’edificio che si trova a Londra a New Bond Street. Una sorta di mondo ideale in cui poter esibire le proprie opere d’arte in forma NFT.

Dave Carr, un portavoce per la Decentraland Foundation ha spiegato: “Virtual worlds are the natural home of digital art NFTs“.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *