• bitcoinBitcoin$66,730.004.94%
  • ethereumEthereum$3,503.672.94%
  • elrond-erd-2MultiversX$36.05-2.02%

Nuova Speranza Per Le Crypto In India Dopo La Decisione Della Corte Suprema

Novità in ambito crypto in India portano un barlume di speranza nel settore della finanza decentralizzata, ora che l’Alta Corte ha detto che l’interfaccia UPI (Unified Payment Interface) si può applicare agli exchange.

La notizia è stata diramata da Reserve Bank of India (RBI), National Payments Corporation of India (NPCI), State Bank of India (SBI) e altri enti in risposta a una petizione in cui si chiedevano chiarimenti in proposito e che hanno determinato l’annullamento della precedente decisione di sospendere i servizi di pagamento tramite UPI nei riguardi degli exchange di crypto.

La petizione era stata formulata da Arnav Gulati, uno studente di legge attraverso lo studio degli avvocati Siddharth Acharya e Simarjeet Singh Satia in cui dichiarava che a marzo del 2020, la Corte Suprema si era espressa durante il caso “Internet and Mobile Association of India vs Reserve Bank of India” dichiarando che la banca centrale avrebbe dovuto autorizzare le entità bancarie a permettere l’uso delle valute virtuali , annullando quanto espresso nella precedente circolare sotto verifica. Lo scorso maggio la National Payments Corporation of India (NCPI) aveva chiarito che non si dovrebbe vietare il sistema di trasferimento UPI per le transazioni in criptovaluta.

La ragione che ha portato la SBI a proibire i servizi UPI in India, in particolare nei confronti del gigante degli exchange crypto, WazirX riguarda la violazione della decisione della Corte Suprema nel caso “Internet and Mobile Association vs Reserve Bank of India” del 4 marzo 2020. La circolare della banca centrale datata 31 maggio 2021, insieme ad altre notifiche da parte della NPCI, confermano che quest’ultimo ente non ha l’autorità necessaria per vietare le transazioni in criptovaluta.

Inoltre, la motivazione ha sottolineato che gli utenti, in questo modo, sarebbero stati costretti a sopportare costi operativi maggiori e periodi d’attesa più lunghi per completare le transazioni usando servizi di pagamento diversi offerti dalla piattaforma.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *