• bitcoinBitcoin$56,725.00-0.65%
  • ethereumEthereum$4,542.78-4.05%
  • ElrondElrond$367.08-1.21%

Quantità Di ETH In Possesso Dei Miner Tocca Il Livello Più Alto Dal 2016

La quantità di Ethereum in possesso dei miner ha toccato livelli record per valore in dollari USA dato che questi non hanno intenzione di vendere.

Il bilancio in mano ai miner di Ethereum è il maggiore che ci sia mai stato subito dopo che l’annuncio del lancio del network 5 anni fa. Il suo valore in dollari tocca il picco di 1,85 miliardi di dollari, secondo i dati forniti dalla piattaforma di analisi Santiment.

La compagnia ha dichiarato che i 532.750 ETH rappresentano la maggiore quantità posseduta dai miner dal 13 luglio del 2016. La quantità rappresenta circa lo 0,45% del totale del circolante di Ethereum che al momento è di 117,8 milioni di ETH.

I miner di solito vendono parte dei token per coprire le spese che comprendono elettricità e costi per l’hardware. La reticenza nelle vendite suggerisce che i miner ritengano di poter vendere aspettando ulteriori aumenti del prezzo della criptovaluta.

L’hash rate di Ethereum, che è spesso visto come il riflesso della salute e la sicurezza del network, è crollato insieme a quello di Bitcoin durante l’esodo dei minatori dalla Cina. A fine giugno ammontava a 477 TH/s ma si è ripreso del tutto nel corso degli ultimi tre mesi e ha toccato nuovi livelli massimi. Rispetto all’inizio dell’anno il suo aumento è del 150%.

Questo, malgrado la repentina uscita delle mining pool di Ethereum che avevano sede in Cina. SparkPool e BeePool hanno sospeso le operazioni nelle scorse settimane. Stupisce che non ci siano stater ripercussioni rilevanti sull’hash rate che ha toccato il livello record di 745 terrahashe al secondo (TH/s) il 5 ottobre secondo Bitinfocharts.

Cointelegraph ha valutato che a settembre i miner di Ethereum hanno iniziato ad accumulare gli asset in seguito all’aggiornamento London che era avvenuto ad agosto.

Una ricerca effettuata dall’exchange di criptovalute Kraken suggerisce che i miner si aspettavano un ulteriore aumento dei prezzi dopo il lancio di EIP-1559 che brucia parte delle fee sulle transazioni.

Da quando l’aggiornamento è stato lanciato il 5 agosto, 473.120 ETH per un valore di circa 1,7 miliardi di dollari sono stati bruciati.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *