• bitcoinBitcoin$56,520.00-0.82%
  • ethereumEthereum$4,512.57-4.83%
  • ElrondElrond$364.27-2.10%

Reef Finance ($REEF) – Muove le crypto a costi ridotti

Reef Finance - cryptorobin.it

In questo articolo parliamo di Reef Finance (REEF) e dei suoi ultimi aggiornamenti. Faremo anche il punto della situazione su questo progetto che sta ormai entrando nel vivo.

Che cos’è Reef Finance

Reef Finance è un progetto sviluppato sul framework di Polkadot. Si pone come ponte tra le Ce-Fi, ovvero gli exchange centralizzati come Binance o Coinbase, e quelli decentralizzati come UniSwap o Pancake Swap.

In sostanza vuole migliorare questo collegamento sia in termini di tempo sia in termini di costi.

Reef Finance è in grado di supportare i protocolli DeFi su Avalanche, Cosmos, Moonbeam e Plasma, così come su Ethereum e Binance Smart Chain.

Di conseguenza, gli utenti del protocollo hanno accesso a un numero più ampio di piattaforme senza richiedere più account e una miriade di nomi utente e password, dati sensibili che poi bisogna ricordare e proteggere.

Update – Reef Chain v8 è operativo su Mainnet

Si tratta del più grande update dal debutto a maggio 2021 e che ha previsto l’update dal Polkadot Substrato 3 al 4, l’upgrade di EVM (Ethereum Virtual Machine) per essere compatibile con il London Fork, e altri aggiornamenti minori.

Un upgrade importante che riguarderà anche un aggiornamento dei nodi validatori.

Reef Finance è una blockchain funzionante a tutti gli effetti, anche se al momento siamo ancora alle fasi iniziali.

Il sistema di governance è una Nominated proof of stake, dove i validatori sono i nodi della rete. Tra l’altro esistono due nodi tutti italiani dato che Reef ha una community molto attiva in Italia soprattutto su Telegram.

Secondo gli ultimi aggiornamenti i nodi attivi sono circa una ventina, e altri trenta arriveranno molto presto.

È già possibile mettere in staking i token Reef nominando un nodo, e i primi 64 di ogni nodo per numero di token reef messi in staking riceveranno una reward che dovrebbe aggirarsi intorno al 20-25 % di APY.

Ad oggi Reef Finance può essere acquistato su Binance, dove tra l’altro è stato lanciato con un launchpool.

Roadmap

Per quanto riguarda la roadmap possiamo notare come tutto proceda in linea con le attese. Sono previsti tanti aggiornamenti per quest’ultimo trimestre del 2021, quindi le cose si stanno facendo interessanti.

C’è in realtà un lieve ritardo per quanto riguarda l’app su piattaforma mobile (sviluppata per Apple iOS) ma i ritardi sono dovuti principalmente alle procedure di accettazione da parte di Apple quindi non dipendenti dalla volontà di Reef Finance.

La cosa però più interessante da segnalare è legata a quello che avverrà da qui alla fine dell’anno dove sono previsti gli update più importanti per la piattaforma e che potrebbero quindi far volare anche il valore del token reef.

Tra queste impossibile non citare:

  • La possibilità dello staking direttamente su Binance
  • L’arrivo della carta di credito di Reef Finance simile a quella degli Exchange
  • La partnership con il colosso STEAM (la piattaforma dove si scaricano i giochi per PC) sul fronte NFT
  • La partecipazione alle aste parachain su Polkadot, che si stanno preparando in questi giorni

Partnership

Vale la pena dare un’occhiata alle partnership di Reef Finance per rendervi conto della bontà del progetto.

Sono tanti i settori che fanno parte dell’ecosistema Reef, dalla DeFi alla security, passando per gli investitori, gli exchange e il gaming.

Conclusioni

Come abbiamo appena visto Reef Finance è un progetto solido che sta rispettando la sua roadmap e che in questo ultimo quarto dovrebbe dare vita ad alcuni degli aggiornamenti più importanti, l’ultimo che riguarda Reef Chain V8 su Mainnet è appena avvenuto.

Da qui alla fine dell’anno arriveranno gli aggiornamenti più importanti che potrebbero davvero far decollare definitivamente il token.

L’esplosione del valore non c’è ancora stata, a parte quella registrata con il lancio su Binance, ma come sappiamo il tempo nel mondo cripto scorre molto lentamente.

Il token ha un valore ancora contenuto e per noi può rappresentare una buona scelta nel lungo periodo, con buone possibilità che ci sia un incremento interessante dall’inizio del prossimo anno.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *