• bitcoinBitcoin$63,665.00-1.44%
  • ethereumEthereum$3,408.66-0.39%
  • elrond-erd-2MultiversX$36.30-2.15%

Ripple Non Intende Patteggiare Ed È Pronto Per Il Processo Dopo Le Accuse Della SEC

Ripple non ha intenzione di patteggiare con la SEC USA e invece ha confermato di preferire l’opzione di andare a giudizio per rendere più equo il mercato delle criptovalute.

La Security and Exchange Commission ha accusato Ripple nove mesi fa per aver offerto azioni non registrate, un’accusa che invece la compagnia ha respinto.

Dato che non è stato raggiunto un accorto da nessuna delle due parti, il risultato è che andare a processo permetterà di innescare una reazione a catena che si potrà riflettere su tutto il settore delle criptovalute.

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, ha dichiarato che pur avendo la possibilità di risolvere la cosa in separata sede hanno preferito non farlo. Pur consapevoli che se avessero scelto la strada più facile del patteggiamento adesso avrebbero avuto la faccenda dell’incidente alle spalle, i fondatori di Ripple hanno preferito non farlo.

L’intenzione è invece di combattere strenuamente per provare le proprie ragioni. L’obiettivo è avere un caso che faccia giurisprudenza negli Stati Uniti per la definizione delle regole valide nel settore delle criptovalute.

Come risultato delle indagini, è stato scoperto anche che la SEC non ha giocato a carte scoperte, infatti non sono state offerte a Ripple le ragionevoli motivazioni dell’accusa, né hanno fornito un chiaro scenario della contestazione quando hanno richiesto assistenza.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *