• bitcoinBitcoin$65,978.00-2.30%
  • ethereumEthereum$3,485.681.16%
  • elrond-erd-2MultiversX$34.34-4.51%

Shiba Inu Cala Dopo Aver Dominato La Chart Di Coinbase

Shiba Inu - cryptorobin.it

I recenti eccessi speculativi su Shiba Inu, che hanno causato qualche preoccupazioni sullo stato di salute del mercato in generale, sembrano essersi raffreddati. Lo dimostra il calo dei volumi su Coinbase registrato la scorsa settimana.

SHIB ha rappresentato il 6,72% del turnover totale su Coinbase, scendendo alla terza posizione. Mentre Bitcoin ed Ether hanno riconquistato la prima e la seconda posizione.

Il cosiddetto DOGE killer ha toccato la quota massima di volume di ranking su Coinbase nelle scorse due settimane, registrando il 16,6% dell’attività totale nei sette giorni fino all’11 novembre, e il 25% nei sette giorni precedenti fino al 5 novembre.

Una newsletter settimanale di Coinbase ha mostrato che: “In terms of the volume breakdown, BTC and ETC have reclaimed the top spots while SHIB is still in the third place for now as the retail meme coin mania cools off”.

Eppure SHIB rimane in testa a tutte le altre altcoin come SOL, DOT, MATIC o LINK.

Il token preferito dal popolo è stato il primo tra i più scambiati dalla seconda settimana di ottobre.

SHIB ha registrato un forte aumento nella seconda metà del mese precedente, dopo che BTC ha stabilito un nuovo record dei prezzi. Il 28 ottobre, SHIB era scambiato a quota 0,00008894$, chiudendo il mese con un impressionante guadagno del 830%.

Diversi analisti ritengono che l’aumento sia un segno dell’affetto che mostrano i trader amatoriali, che è spesso evidenziato dalla presenza nelle posizioni più alte della classifica del mercato. La parabola che ha registrato SHIB all’inizio di maggio è stata seguita da una diffusa tendenza del mercato alla vendita, quando BTC è crollato da 58.000$ a 30.000$ in appena una settimana.

Per questo, la storia sembra ripetersi nel corso delle scorse settimane, quando BTC è crollato per la quinta settimana consecutiva fino a quota 55.666$ il 16 novembre.

Ora che la follia speculativa ha fatto un passo indietro, l’attenzione dei mercati potrebbe tornare a Bitcoin e alle altre grosse crypto.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *