• bitcoinBitcoin$63,721.001.46%
  • ethereumEthereum$3,406.021.74%
  • elrond-erd-2MultiversX$35.08-1.13%

Sygnum È La Prima Banca Al Mondo a Offrire Staking Di ETH2

Sygnum Bank è una banca svizzera specializzata in offerte legate a criptovalute. Ha annunciato di essere diventata la prima banca al mondo che permette ai propri clienti di fare staking di Ether.

Su un post del blog del 6 luglio, la banca ha confermato che adesso i propri clienti possono fare staking di ETH grazie alla piattaforma ufficiale di home banking di Sygnum. Così potranno guadagnare ricompense fino al 7% l’anno.

Sygnum si descrive come la “world’s first digital asset bank” dato che nel 2019 si è aggiudicata la licenza ad operare da parte della Banca Centrale Svizzera, e la licenza per operare sui mercati di capitale a Singapore.

Secondo la compagnia la maggior parte dei prodotti e servizi decentralizzati gira su Ethereum, il TVL (Total Value Locked) sul network è cresciuto di tre volte dall’inizio dell’anno.

Thomas Eichenberger, a capo delle unità di business di Sygnum, descrive lo staking di Ethereum staking come “a core element for digital asset portfolios”.

Sygnum ha lanciato il servizio di staking per Tezos (XTZ) a novembre dell’anno scorso e a marzo ha offerto un deposito a tasso fisso per la sua stablecoin Digital Swiss Franc, DCHF.

La banca deve affrontare la concorrenza di entità che offrono esclusivamente servizi di staking o i principali exchange decentralizzati, come gli statunitensi Coinbase e Kraken.

La banca incentrata sugli asset digitali sta cercando di supportare anche gli asset legati alla DeFi, si prepara al lancio di servizi bancari riconosciuti per otto token leader di mercato, compresi UNI, MKR e CRV.

Stando ai dati di Staking Rewards, Eth2 è al momento il maggiore network Proof-of-Stake per capitale bloccato per un valore di 13,5 miliardi di dollari, malgrado solo il 5% degli Ether in circolazione siano attualmente bloccati per lo staking.

Cardano (ADA) ha la maggiore capitalizzazione di token in staking con 31,8 miliardi di dollari e il 70,7% di fornitura vincolata.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *