• bitcoinBitcoin$71,434.000.64%
  • ethereumEthereum$3,811.19-1.05%
  • elrond-erd-2MultiversX$39.42-1.17%

Unicredit Perde Causa I Grado In Bosnia: €131 Milioni Da Risarcire

unicredit bitminer factory causa in bosnia

Un tribunale di Banja Luka, in Bosnia ed Erzegovina, ha accolto in primo grado le richieste di una mining factory condannando Unicredit a risarcire 256.326.152 marchi bosniaci, cioè circa 131 milioni di euro.

La società che ha sporto denuncia è la Bitminer Factory d.o.o. Gradiška, controllata della società italiana con sede a Sesto Fiorentino (FI) Bitminer Factory.

Unicredit stessa, che ha annunciato ricorso in appello, spiega le motivazioni del contendere:

In seguito alla chiusura pretesamente ingiustificata dei propri conti correnti da parte di Unicredit Bank a.d. Banja Luka, società controllata dalla capogruppo Unicredit nella Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina. Bitminer asserisce che la chiusura dei propri conti avrebbe ostacolato la propria Initial coin offering (Ico) in relazione a un progetto startup nel settore del mining di criptovalute con energie rinnovabili in Bosnia ed Erzegovina.”

Bitminer Factory si definisce “la prima e più grande ‘farm’ di mining in Italia. Ad oggi, è un’impresa globale di tecnologia Blockchain, che propone servizi completi per investimenti di mining in tutto il mondo”.

Due mesi fa, a gennaio, Unicredit era stata bersagliata dai social perché era finito su Twitter uno scambio di email tra un dirigente e un cliente, scambio in cui la banca minacciava di chiudere i conti dei clienti che effettuavano transazioni verso “controparti emittenti valute virtuali o che agiscono da piattaforme di scambio”.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *