• bitcoinBitcoin$63,892.00-0.58%
  • ethereumEthereum$3,420.820.30%
  • elrond-erd-2MultiversX$36.35-1.40%

Quali Sono I Cinque Migliori CEX

I cinque migliori CEX, exchange centralizzati

Tutti abbiamo un negozio di alimentari preferito dove le verdure sono migliori che altrove, o uno di abbigliamento. Un exchange di criptovalute non fa differenza, specialmente quando si è all’inizio.

In basso analizzeremo cinque tra i CEX più popolari in base alle criptovalute presenti sulla piattaforma, al numero di utenti e ai servizi che offrono, sottolineando pro e contro.

 

KuCoin

Cominciamo con il numero cinque: KuCoin, lanciato nel 2017.

Non solo offre molte coppie di coin e basse commissioni di transazione, ma non occorre nemmeno verificare la propria identità attraverso la procedura KYC, Know Your Customer.

Bisogna comunque ricordare che le crypto vanno dichiarate nel 730 e che ci sono delle sanzioni se non lo si fa.

In realtà, senza il KYC non sarà possibile inviare fiat direttamente al proprio account.

L’unica alternativa è trasferire le criptovalute da un altro wallet direttamente all’exchange. Allo stesso tempo, se una transazione sembra sospetta, l’exchange ha il diritto di chiedere la verifica dell’identità per bloccare qualsiasi attività illegale.

 

Kraken

Al numero 4 troviamo Kraken, un vero pioniere nel mondo delle criptovalute perché è stato fondato oltre un decennio fa, nel 2011.

La piattaforma offre numerosi servizi di trading che la rendono più adatta per i trader professionisti o per quelli con molta esperienza in criptovalute. Per chi è alle prime armi potrebbe rivelarsi piuttosto difficile.

Rispetto ad altri exchange, Kraken sembra rimasto un po’ indietro perché continua ad avere commissioni elevate per acquisti e prelievi.

 

FTX

Saliamo sul podio e al numero tre abbiamo FTX, lanciato nel 2019.

Uno dei suoi principali vantaggi è il fatto che ha le commissioni più basse sul mercato e offre opzioni di trading avanzate che lo rendono perfetto per gli utenti esperti.

Ma non tutto è perfetto poiché le persone si sono lamentate del fatto che il servizio clienti non è all’altezza, soprattutto perché non prevede un supporto live.

 

Coinbase

Al netto del recente crollo al Nasdaq, confermiamo al secondo posto in classifica Coinbase, l’exchange di criptovalute più popolare negli Stati Uniti.

Questa popolarità deriva dal fatto che è possibile creare un account in un paio di minuti e l’interfaccia intuitiva lo rende ideale per i principianti.

La funzionalità Coinbase PRO si rivolge invece agli utenti avanzati.

Non manca l’app per smartphone, anch’essa molto facile da usare: qui si può controllare il proprio wallet ed effettuare transazioni ovunque e in qualsiasi momento, magari mentre si aspetta l’autobus al mattino.

 

Binance

Al primo posto non può che esserci lui, Binance.

Proprio come Coinbase, è diviso in due versioni, Binance Lite e Binance Professional, in base al livello di familiarità con la piattaforma e il mondo delle criptovalute.

Non solo include un’interfaccia desktop e un’app facile da usare per le transazioni, ma anche tanti servizi educativi come Binance Academy dove imparare nozioni di criptovaluta e trading.

Fornisce anche opzioni per staking e depositi a chi è interessato alla rendita passiva. Con la Binance Card si possono convertire e spendere le crypto in oltre 60 milioni di esercizi in tutto il mondo.

 

Conclusioni

Quando mettiamo i nostri soldi su un exchange centralizzato bisogna fidarsi. Si dice: Not your keys, not your coins, cioè, finché i soldi sono su un CEX, un attacco all’exchange può diventare un attacco ai nostri soldi.

Se le cifre investite cominciano a diventare importanti, bisogna considerare l’opzione cold wallet.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *