• bitcoinBitcoin$56,585.00-0.77%
  • ethereumEthereum$4,527.72-4.45%
  • ElrondElrond$366.05-1.52%

Xive Chiude Impianti di Mining In Kazakhstan

Xive - cryptorobin.it

La compagnia di mining di criptovalute Xive ha annunciato la chiusura di un impianto di 2.500 rig per il mining nel Sud del Kazakhstan per colpa dell’insuficiente fornitura elettrica da parte del servizio nazionale. Lo ha rivelato il cofondatore Didar Bekbau.

Il Kazakhstan sta affrontando una crisi energetica, almeno in parte dovuta all’aumento degli impianti per il mining di criptovalute che si sono installati nel paese dopo l’esodo dalla Cina.

Il sud del paese è particolarmente a rischio per via della scarsità di impianti di produzione di elettricità e la rete nazionale non è in grado di trasferire a questa regione sufficiente corrente elettrica dal nord. Quest’area, invece, non presenta problemi del genere.

È per questo che i miner di criptovalute come Xive ed Enegix hanno dovuto affrontare problemi da settembre con il fornitore nazionale KEGOC che ha iniziato a razionare la fornitura.

Xive è al lavoro per creare un nuovo sito che ospiti i 2.500 dispositivi ma “it is clear that mining in south Kazakhstan is not possible anymore”.

Non si tratta di un problema isolato dato che altri miner nella regione hanno iniziato a cercare siti alternativi dove trasferire gli impianti. Bekbau lamenta di non avere altra scelta se non abbandonare il paese. Alcuni si sono già spostati in Russia e altri negli Stati Uniti.

Il Ministero dell’Energia ha presentato una bozza di regolamento a ottobre che punta a fissare un tetto massimo perché i nuovi miner non consumino più di 100 megawatt. In seguito è stato chiarito che non si intende restringere la fornitura di elettricità ai miner che rispettano la legge, ma non devono rappresentare un problema per la stabilità del paese.

Più di recente, il governo ha confermato si stare progettando il modo per sostenere l’attività dei miner di criptovalute e sviluppare sistemi di produzione energetica alternativi provenienti da fonti rinnovabili.

Il presidente della Kazakhstan Association of Blockchain Technology, Sapar Akhmetov, ha detto che il settore delle crypto spera che se la capacità di alimentazione proveniente da fonti rinnovabili sarà incrementata a sufficienza, si possano allentare i limiti di fornitura per gli operatori del settore.

ARTICOLO PRECEDENTEARTICOLO SUCCESSIVO

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *